Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri50Dalla documentalità al nuovo real...

Dalla documentalità al nuovo realismo

Elena Casetta, Pietro Kobau e Ivan Mosca
p. 3-7

Testo integrale

1Nel 2009 esce Documentalità. Perché è necessario lasciar tracce di Maurizio Ferraris. Si tratta di un libro importante, per varie ragioni, ma qui vorremmo sottolinearne principalmente due. Innanzitutto, perché si pone come un’opera di rottura all’interno di una tradizione teorica consolidata – o, almeno, fino a quel momento assai poco movimentata. In secondo luogo, perché le tesi lì sostenute hanno degli esiti che vanno ben al di là della teoria.

2Cominciando con il primo punto, occorre ricordare che la received view in ontologia sociale – vale a dire in quella disciplina filosofica che si occupa dell’esistenza e della natura di cose come le promesse e i matrimoni, le università e i debiti, le crisi economiche e gli scontrini – riconosce, quale base degli oggetti sociali, certi oggetti fisici. Questi, grazie all’azione di un “we intend”, ossia di quella che viene chiamata “intenzionalità collettiva”, diventerebbero, dato un certo contesto, oggetti sociali. L’esempio più celebre, quello del denaro, ci dice che X conta come Y nel contesto C: un pezzo di carta dotato di certe caratteristiche fisiche conta come banconota da 5 euro nell’Europa di oggi – caratterizzata, appunto, come un contesto fatto di individui i quali intendono che le cose stiano proprio in questo modo.

3Documentalità individua una crepa in questo paradigma e, facendo leva nella crepa, procede alla sua demolizione. La crepa risiede sostanzialmente nel fatto che l’intenzionalità collettiva non riesce a dar conto di quegli aspetti della realtà sociale che interessano maggiormente società complesse come quelle attuali. Pensiamo a quanto sta accadendo in Europa in questo momento: non è stato certo il “we” dell’intenzionalità collettiva (termine che si può riferire a una società in miniatura, composta da due o poche persone, così come a una società storica tutta intera) a dare origine alla crisi economica che stiamo attraversando, semplicemente perché la collettività avrebbe di certo inteso diversamente. Cioè, non avrebbe posto in essere una crisi, bensì avrebbe realizzato una maggiore ricchezza per sé e per il proprio paese. Certo, si dirà, le cose non sono così semplici, e questa è un’immagine caricaturale. Eppure, è proprio questo – almeno secondo quanto possiamo leggere nella Costruzione della realtà sociale di John Searle (1995) – il meccanismo che sarebbe alla base del sorgere degli oggetti sociali. Documentalità offre una spiegazione diversa: per quanto le intenzioni delle persone giochino un ruolo importante nell’ontologia sociale, non può trattarsi del ruolo fondazionale che questa tradizione attribuisce loro, se vogliamo che la nostra teoria dia conto – in maniera unitaria – di tutti gli oggetti sociali, dai più semplici ai più complessi, da quelli benevoli ai meno desiderati, dai matrimoni felici alle crisi economiche. La tesi alla base della nuova teoria è, dunque, che non l’intenzionalità, bensì qualcosa di molto più concreto sia il fondamento della realtà sociale: i documenti, atti sociali iscritti su un qualche supporto, mentale, cartaceo, digitale, o di una qualche altra materia. Non entriamo nel dettaglio delle argomentazioni e delle tesi ulteriori che di qui partono e sono ampiamente discusse e sviscerate nei trenta contributi che compongono questo fascicolo. Tuttavia vorremmo ricostruire, seppur brevemente, il filo conduttore che guida questa proposta, ciò che ci conduce al secondo punto che va posto preliminarmente in evidenza, ossia la portata extrateorica della teoria della Documentalità.

4La teoria degli oggetti sociali articolata da Ferraris è una teoria di stampo fortemente realista: il mondo esterno è qualcosa di incontrato, ed è con questo incontrato che bisogna fare i conti. Con le parole di Ferraris:

  • 1  Ferraris 2002.

Se quello che incontriamo è indipendente da quello che pensiamo, al punto che può contrastarlo, bisogna per l’appunto concludere che la pretesa e la resistenza che ci oppongono gli oggetti non sia dovuta a un qualche accordo tra i sensi di tutti gli uomini e poi di esseri con sensi molto diversi, bensì da una stabile e autonoma consistenza degli oggetti, che sono tali per esseri molto diversi per apparati concettuali e percettivi, e persino per esseri che non hanno proprio nessun apparato concettuale o percettivo1.

  • 2  Strawson 1959: 23.
  • 3  Goodman 1978.

5Quali sono questi oggetti che ci vengono incontro e si offrono ai nostri schemi concettuali? Innanzitutto gli oggetti naturali, collocati nello spazio-tempo, che non dipendono – quanto alla loro esistenza e alla loro natura – da noi. E poi gli oggetti sociali che, proprio come gli oggetti naturali, sono collocati nello spazio-tempo, ma, diversamente dai primi, dipendono quanto alla loro genesi e alla loro persistenza da noi o, meglio, dai nostri atti sociali, purché iscritti e registrati. Degli oggetti naturali si può avere scienza, ma il nostro conoscerli non ne determina né lo status ontologico, né la natura. In caso contrario, la scienza sarebbe niente più che una metafisica descrittiva, che «si accontenta di descrivere l’effettiva struttura del nostro pensiero sul mondo», se vogliamo dirla con le parole di Strawson2; o, se preferiamo Goodman3, una delle tante “mondo-versioni” ugualmente possibili e legittime. Ferraris rileva, alla radice di posizioni siffatte, una “fallacia trascendentale” che confonde epistemologia e ontologia, quello che sappiamo in merito alle cose con le cose stesse. Il realismo di Ferraris è quindi un recupero dell’oggetto in un momento in cui la retorica della centralità del soggetto è passata da un postmodernismo filosofico a un postmodernismo politico. La rivoluzione copernicana di Kant ha quindi valore solo se riferita alla realtà sociale, creata dal soggetto eppure dotata di una oggettività che risiede nelle tracce mnestiche, nelle iscrizioni, nei documenti.

6Ed è proprio questa distinzione tra ontologia ed epistemologia che fornisce una solida base alla portata extrateorica della teoria della Documentalità. Nel momento in cui venisse a cadere la separazione tra le cose e la conoscenza che noi ne abbiamo, si aprirebbe, così ci illustra Ferraris, la strada al nietzscheano “non ci sono fatti, solo interpretazioni” e, dunque, al postmodernismo dove i fatti scompaiono e le interpretazioni popolano, da sole, la scena. Diventa chiaro, a questo punto, quale portata acquisti la teoria della Documentalità nel mondo che sta fuori dai libri. Se, come si diceva, gli oggetti naturali sono del tutto indipendenti da noi – inemendabili, con le parole di Ferraris –, diverso è invece il caso degli oggetti sociali: di certo i debiti non svaniscono se creditore o debitore hanno l’intenzione, per quanto forte, che ciò accada; né le crisi economiche si superano se una società rivolge la propria intenzionalità collettiva alla loro inesistenza. Ciò non avviene, più esattamente, a meno che creditore e debitore non intervengano nuovamente sul contratto che hanno stipulato; o a meno che le società non arrivino a formulare e sottoscrivere nuovi patti sociali. È la lettera che fonda (o rifonda) lo spirito, così come è il documento che regge la realtà sociale.

7Questo, quanto al libro e alla sua importanza. Resta da raccontare di questo fascicolo. Chi lo ha curato, all’uscita di Documentalità ha presto avvertito che il prevedibile interesse per quel libro non si stava limitando al terreno circoscritto e poco frequentato dell’ontologia delle entità sociali. Al di là di ciò, quel lavoro catalizzava palesemente interessi in altre aree di ricerca (e di applicazione) che raccoglievano i suggerimenti che una teoria della Documentalità come quella di Ferraris poteva porgere alla metafisica generale, alle teorie della verità, alla filosofia della mente, all’estetica, alle teorie sociali e della politica… Ciò che si è fatto, in un primo tempo, è stato dunque di mettersi in ascolto verso le discussioni che, già a più voci, si stavano organizzando in merito. E, quindi, di raccogliere tali discussioni, sollecitando ulteriori interventi per completare il quadro: o tornando sul terreno più specifico dell’ontologia sociale, o cercando approfondimenti, magari molto puntuali, circa le conseguenze al di fuori di esso.

8Ne sono risultati, raccolti in questo fascicolo, due tipi di scritti. Il primo (Saggi) è quello delle riflessioni a tutto campo, riguardanti i fondamenti della teoria proposta da Ferraris. Il secondo (Interventi) è quello delle osservazioni o delle critiche a singoli aspetti di quest’ultima, ovvero dei tentativi di una sua applicazione in altri ambiti disciplinari. Come si può inoltre ricavare dalle risposte date da Ferraris ai trenta contributi che abbiamo raccolto, a questa classificazione tipologica ne è poi sovrapponibile un’altra, tematica, riferibile cioè alle questioni, interne o esterne all’ambito dell’ontologia sociale, che vengono principalmente coinvolte nei singoli scritti: i problemi cioè del realismo, della verità, della distinzione tra ontologia ed epistemologia, del testualismo, dell’intenzionalità, della politica e dell’estetica.

  • 4  Si veda Ferraris 2012.

9Rimane da dire un’ultima parola circa il primo dei temi appena menzionati, quello del realismo. Mentre questo fascicolo era in lavorazione, l’intero dibattito è tornato a coagularsi sotto un altro titolo, quello della proposta da parte di Ferraris di un “nuovo realismo”4 – una proposta che deborda definitivamente dall’ambito di una teoria riferita all’ontologia sociale, nonché dai territori limitrofi delle sue conseguenze. Ma questa è un’altra storia.

Torna su

Bibliografia

Ferraris, M.

– 2002, Inemendabilità, ontologia, realtà sociale, “Rivista di estetica”, 19: 160-199

– 2009, Documentalità. Perché è necessario lasciar tracce, Roma – Bari, Laterza

– 2012, Manifesto del Nuovo Realismo, Roma – Bari, Laterza

Goodman, N.

– 1978, Ways of Worldmaking, Indianapolis, Hackett; tr. it. di C. Marletti, Vedere e costruire il mondo, Roma – Bari, Laterza, 1988; nuova ed. con introduzione di A.C. Varzi, Roma – Bari, Laterza, 2008

Searle, J.R.

– 1995, The Construction of Social Reality, New York, Free Press; tr. it. di A. Bosco, La costruzione della realtà sociale, Torino, Einaudi, 2006

Strawson, P.F.

– 1959, Individuals: An Essay in Descriptive Metaphysics, London, Methuen; tr. it. di E. Bencivenga, Individui. Saggio di metafisica descrittiva, Milano, Feltrinelli – Bocca, 1978; nuova ed. con introduzione di M. Ferraris, Milano, Mimesis, 2008

Torna su

Note

1  Ferraris 2002.

2  Strawson 1959: 23.

3  Goodman 1978.

4  Si veda Ferraris 2012.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Elena Casetta, Pietro Kobau e Ivan Mosca, «Dalla documentalità al nuovo realismo»Rivista di estetica, 50 | 2012, 3-7.

Notizia bibliografica digitale

Elena Casetta, Pietro Kobau e Ivan Mosca, «Dalla documentalità al nuovo realismo»Rivista di estetica [Online], 50 | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 18 juin 2024. URL: http://0-journals-openedition-org.catalogue.libraries.london.ac.uk/estetica/2137; DOI: https://0-doi-org.catalogue.libraries.london.ac.uk/10.4000/estetica.2137

Torna su

Autori

Elena Casetta

Articoli dello stesso autore

Pietro Kobau

Articoli dello stesso autore

Ivan Mosca

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d’autore

CC-BY-NC-ND-4.0

Solamente il testo è utilizzabile con licenza CC BY-NC-ND 4.0. Salvo diversa indicazione, per tutti agli altri elementi (illustrazioni, allegati importati) la copia non è autorizzata ("Tutti i diritti riservati").

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search